Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie, anche di terze parti. Continuando a navigare sul sito si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sono Maria Rosa Borraccino, diagnosta e conservatrice dei beni culturali, responsabile del settore “beni culturali” all’interno dell’associazione.

Tramite questo spazio, dedicato all’inserimento di articoli informativi, vorrei aver modo di presentarmi e di fornire informazioni finalizzate alla conoscenza del nostro patrimonio culturale.

Chi è un diagnosta dei beni culturali e chi è un restauratore??

La presentazione della mia figura professionale molto spesso si presenta difficoltosa da comprendere, soprattutto da parte di chi non è  inoltrato nel settore. A tal proposito vi pongo due quesiti chiarificatori:

QUESITO 1: Cosa fareste se un giorno vi accorgeste di avere delle macchioline sulla vostra pelle?

La prima cosa a cui pensate è di rivolgervi ad un medico (medico di famiglia o specialista), che vi prescriverebbe delle analisi e accertamenti per meglio comprendere da quale patologia siete affetti. Il medico, dopo aver analizzato le vostre analisi, le valuterebbe e vi prescriverebbe medicinali o terapie.

QUESITO 2: Bene, ora immaginate che un dipinto, una scultura, o qualsiasi altro bene, definito “bene culturale” abbia lo stesso problema presentando delle macchie sulla sua superficie, a quale “medico” vi rivolgereste per le sue “cure”?

Ecco qui che subentra la figura del restauratore che, come nel caso del medico, prescrive delle analisi. Tali analisi valutative vengono svolte dal “diagnosta” che individua la patologia, fornisce l’esito e con il restauratore stabilisce la migliore “terapia” da adottare!

Insomma, i restauratori e i diagnosti sono i “medici” dei beni culturali.

Dopo aver chiarito la funzione di due figure importanti nella salvaguardia di un bene, mi piacerebbe definire gli OBIETTIVI che vorrei perseguire con gli argomenti che tratterò nei prossimi mesi.

Il mio obiettivo sarà quello di raccontare il “dietro le quinte” delle opere, dei monumenti, delle aree archeologiche, delle strutture architettoniche che caratterizzano il territorio pugliese. I miei articoli non vogliono focalizzarsi sulla loro storia, ma sulle loro tecniche di esecuzione, sul loro stato conservativo, sui materiali che li costituiscono.

In definitiva, spiegherò gli aspetti scientifici  che di solito si celano o che sono noti solo a chi studia il settore. Vi renderete subito conto che le tematiche trattate saranno molteplici, e abbracceranno con ovvietà tutte le materie scientifiche, includendo figure professionali che mai vi immaginereste: biologi, chimici, fisici, botanici, matematici..

Il mio fine sarà quello di stimolare la vostra curiosità attraverso un filo conduttore, che cercherò di rendere visibile, tra STORIA E SCIENZA!

 

 

Dott.ssa Maria Rosa Borraccino